Le origini

Lions Clubs  International è la più grande organizzazione umanitaria nel mondo. I  soci sono uomini e donne che offrono parte del proprio tempo alle cause  umanitarie ed il loro motto è “we serve”  (noi siamo dedicati al  servizio).

L’Associazione  dei Lions Clubs si costituì per l’intuizione ed il fervore di Melvin  Jones: in un momento storico in cui l’Europa era sconvolta dalla  tragedia della prima guerra mondiale e l’America ne era coinvolta, Melvin Jones  ebbe la straordinaria intuizione di una grande associazione internazionale di  club che, riunendo gli esponenti della vita economica e politica, fosse in grado  di offrire collaborazione non ai propri soci, ma alla comunità. In un’epoca di  predominanti interessi strettamente utilitaristi, egli ebbe così a concepire il  “Club Service”.

L’associazione  fu costituita nel 1917; in quel Congresso si gettarono le basi del club  service; fu deciso di assumere la denominazione “Liberty,  Intelligence, Our Nation’s Safety” (LIONS);   fu deciso di adottare quale emblema il leone bifronte per significare che da un  lato guardava al passato, ma dall’altro al futuro; fu deciso che l’Associazione  dovesse essere apolitica e aconfessionale per aprirsi a chiunque, in un ideale  di comprensione e di rispetto.

L’euforia  idealistica del periodo immediatamente successivo alla prima guerra mondiale fu  terreno fecondo per lo sviluppo dei Lions Clubs in America. Nel periodo che  corre tra la prima e la seconda guerra mondiale l’Associazione oltrepassò i  confini degli U.S.A. ove però si consolidò ampiamente ed affinò i fini  istituzionali adottando, nella Convention del 1918, gli scopi del Lionismo  ed il Codice dell’Etica Lionistica.

A riconoscimento della sua attività, già nel 1919 l’Associazione venne  riconosciuta quale Ente Morale. Nell’immediato secondo dopoguerra partecipò a  tutti i più decisivi congressi per la pace apportando il contributo dei suoi  esperti fino a ottenere un ambito riconoscimento: la nomina ad Organismo  consultivo permanente del Consiglio Economico e Sociale dell’O.N.U..

Contemporaneamente iniziò la sua diffusione nel mondo. La rapidità della diffusione rappresentò la prova obiettiva che i Lions Clubs rispondevano   effettivamente ad un’esigenza avvertita in ogni Paese. L’Italia entrò  nell’Associazione lionistica il 5 marzo 1951 con la costituzione del Club di  Milano, oggi Milano Host, progenitore di tutti i Club  italiani.